I remember D'Anzi Vedi a schermo intero

I remember D'Anzi

Accluso al cd biografia di "Giovanni D'Anzi", libretto composo da 54 pagine


- Artisti vari - 2010

Maggiori dettagli

18,99 €

La musica di Giovanni D’Anzi accompagna la storia di Milano degli ultimi decenni, di cui è in fondo la colonna sonora, e si intreccia alle vite dei musicisti milanesi, soprattutto di quelle dei jazzisti. Per questo motivo, quando l’Amministrazione comunale ha chiesto agli organizzatori delle manifestazioni estive di ispirarsi anche a personalità significative della storia cittadina, abbiamo pensato a D’Anzi che, tra l’altro, per la particolare tipologia delle sue canzoni, derivate dal song americano, si prestava particolarmente bene a una rivisitazione jazzistica. La scelta dei musicisti, inseriti nella rassegna I Remember D’Anzi, programmata nell’ambito di Milano D’Estate 2001, è caduta sui pianisti di differenti generazioni, ma di rilevante importanza nel panorama del jazz italiano. A tutti è stato chiesto di eseguire una canzone di D’Anzi accanto a proprie composizioni, e il risultato è quest’album, registrato dal vivo con l’unica eccezione del celeberrimo Oh mia bela Madunina, inciso in studio in quanto non poteva mancare, in una compilation dedicata al maestro milanese, la sua più celebre e amata creazione. 


Giovanni D’Anzi’s music has accompanied the history ofMilan in the last decades, being in fact the “sound-track” of the city, interwined with the lives ofMilan’s musicians. Especially its jazz players. For this reason, when the Town Council asked the organizers of the summers festivals to take inspirations from personalities who had a particular significance in the city’s history, our thoughts went to D’Anzi whose works, being derived from the American “song” were particulary suitable for a jazz-style reinterpretation. The musicians included in the “I Remember D’Anzi” review programmed as part of the “Milano d’estate” festival, were chosen from different generations of pianists, all of outstanding importance in the landscape of italian jazz. Each musician was asked to play one of D’Anzi’s songs toghether with some of his own compositions; the result is this album, all recorded Live, except for the universally renewed “oh mia bela Madunina”, recorded in studio: it was not possible to forget, in a compilation dedicated to the Milanese composer, his most famous and beloved creation.
Associazione Culturale 
Musica Oggi 
Maurizio Franco


Interpreti: 
Gianni Basso: sax, 
Mauro Beggio: batteria; 
Luigi Bonafede: pianoforte, 
Gianni Cazzola: batteria,
Roberto Dani: batteria,
Franco D’Andrea: pianoforte, 
Bruno De Filippi: armonica, 
Enrico Intra: pianoforte, 
Tito Mangialajo: contrabbasso, 
Guido Manusardi: pianoforte, 
Massimo Moriconi: contrabbasso, 
Renato Sellani: pianoforte, 
Lucio Terzano: contrabbasso, 
Pietro Tonolo: sax, 
Antonio Zambrini: pianoforte.

Prodotto da: Enrico Intra
Produzione esecutiva: Massimo Monti
Registrazione dal vivo: Milano, P.za Affari, luglio 2001 tranne “Oh mia bela Madunina”, 
Registrato in studio tecnico del suono Luigi Pessani
Mastering: Aldebran Niko
Elettroformati: designer-photo Alessandro Gerini 


Etichetta MAP GOLDEN -  Catalogo N° G CD J 1944 - Produzione esecutiva Massimo Monti
Musicisti Associati Produzioni M.A.P. - Distribuzione M.A.P.  - Anno 2010

*********************************************************************************************************

Brani contenuti nel CD:
01. Ma l’amore no (M. Galdieri – G. D’Anzi) 9’15’’
      Luigi Bonafede, pianoforte;
      Lucio Terzano, contrabbasso; 
      Mauro Beggio, batteria;
      Pietro Tonolo, sax
02. Quiete (L. Bonafede) 5’52’’
      Luigi Bonafede, pianoforte;
      Lucio Terzano, contrabbasso;
      Mauro Beggio, batteria;
      Pietro Tonolo, sax 
03. Silenzioso slow (A. Bracchi – G. D’Anzi) 6’10’’
      Guido Manusardi, pianoforte;
      Lucio Terzano, contrabbasso;
      Gianni Cazzola, batteria
04. Country dance (G. Manusardi) 8’55’’
      Guido Manusardi, pianoforte;
      Lucio Terzano, contrabbasso;
      Gianni Cazzola, batteria
05.  Nostalgia de Milan (A. Bracchi – G. D’Anzi) 10’53’’
      Antonio Zambrini, pianoforte;
      Tito Mangialajo, contrabbasso; 
      Bruno De Filippi, armonica;
      Roberto Dani, batteria
06.  Minotauro (A. Zambrini) 5’33’’
      Antonio Zambrini, pianoforte;
      Tito Mangialajo, contrabbasso; 
      Bruno De Filippi, armonica;
      Roberto Dani, batteria
07.  Non dimenticar (le mie parole) (A. Bracchi – G. D’Anzi) 4’17’’
      Antonio Zambrini, pianoforte;
      Tito Mangialajo, contrabbasso; 
      Bruno De Filippi, armonica;
      Roberto Dani, batteria
08.  Via libera (F. D’Andrea) 6’35’’
       Franco D’Andrea, pianoforte
09.  Tu musica divina (A. Bracchi – G. D’Anzi) 5’04’’
      Franco D’Andrea, pianoforte
10.  Sembrerebbe quasi festa (R. Sellani) 6’52’’
       Renato Sellani, pianoforte;
      Gianni Basso, sax;
      Massimo Moriconi, contrabbasso
11.  Oh mia bela Madunina (G. D’Anzi) 2’47’’
       Enrico Intra, pianoforte