Per chi suona il pianoforte? For who the piano tools? Vedi a schermo intero

Per chi suona il pianoforte? For who the piano tools?

Giampiero Boneschi

- 2009


- doppio CD

Maggiori dettagli

18,99 €

Jazz, una passione, una vita di Giampiero Boneschi

Oggi si parla molto di jazz. Grandi volumi, valutazioni, statistiche e così via. Io cercherò di dire, con poche parole, alcune cose che ho maturato nella mia giovinezza quando la parola jazz in Italia era proibita ed, ascoltarne un disco, significava rischiare una denuncia per americanismo. 
In pratica vorrei tentare di spiegare le caratteristiche essenziali del jazz dal punto di vista musicale, cosa che, secondo me, non viene fatta sempre limpidamente. Attenzione! Questa non è la cabala per acquisire delle qualità jazzistiche; il jazz è specializzazione nella specializzazione musicale. Essendo una forma artistica ha bisogno di doti individuali naturali particolarissime e tanto studio.
Contrariamente alle propagande, i veri jazzisti in tutto il mondo sono pochi e spesso non sono quelli più conosciuti.

RITMO. Non inteso come esibizione di tamburi ma ''scansione nel tempo'' ha una caratteristica peculiare che definirei di false anacrusi (ndr. movimento iniziale in anticipo di un periodo ritmico). Inoltre, le tipiche anticipazioni date dalle interpretazioni delle sincopi, creano l'illusione dello spostamento degli accenti forti. Alla fine però i conti tornano sempre perché lo spazio-tempo rubato viene immediatamente restituito. In sintesi, una mobilità ritmica inserita in un contesto ritmico ordinato e rigoroso. A mio avviso è una delle caratteristiche principali che non si riscontra in nessun altro tipo di musica.

TIMBRICA. Grande varietà di suoni chiusi e aperti o, se volete, chiari e scuri che spesso vengono intesi come accenti, usatissimi, ma di altra natura. Jazzisticamente si chiamano ''pronunce''. Sono l'essenza dell'esecuzione jazzistica. La scuola tradizionale non prevede l'insegnamento di tali effetti sui varii strumenti.

MELODIA-ARMONIA. Musicalmente parlando il ''blues'' nella sua semplicità ed essenzialità è la forma per eccellenza. Caratteristica nelle sue tematiche sono le cosiddette note ''blue''. Esse sono costituite dall'abbassamento a piacere, in una gamma diatonica del 3° e del 7° e l'innalzamento del 4°. Tutto ciò sia in ascesa che in discesa, dando così un compromesso tonale illusorio fra una scala diatonica maggiore minorizzata, una modulazione al 4° ed un approccio al 5°. Non avvenendo mai questi spostamenti tonali, ecco che scaturisce un senso di indecisione, di speranza, di attesa.

Un altro merito del jazz è quello di aver tenuto viva l'abitudine all'improvvisazione. Nei tempi passati questa disciplina fu molto considerata e praticata. Basti ricordare Bach o Chopin per non dire di tutti gli altri grandissimi improvvisatori. La loro forma improvvisativa consisteva nel creare una tematica o farsela proporre; da qui iniziavano gli sviluppi e le variazioni. Anche questo, oggi è in disuso e l'allievo dei conservatorii non viene più addestrato.

Jazzisticamente si usa improvvisare (direi creare tematiche con intenzioni jazzistiche) sulle armonie dei ''blues'' come fatto predominante. Nel jazz è rigoroso che ciò che si stabilisce lo debba essere in quel momento. Se si decide, ad esempio, che le armonie del ''blues'' per quella esecuzione debbano essere più sofisticate, gli esecutori dovranno attenersi a quella convenzione adeguandosi al rispetto armonico dei nuovi accordi. Comunque, qualsiasi brano musicale, di qualsiasi natura, può essere jazzificato. Per fare ciò, occorre intervenire per prima cosa sul taglio ritmico della tematica, poi, modificarne le armonie conseguentemente allo stile che si vuole ottenere. Ecco perchè il termine ''arrangiatore'' è più appropriato di ''orchestratore''.
Ancora per esemplificare, moltissime canzoni di ogni epoca costituiscono la base sulle quale il jazzista crea le sue esibizioni.

Quanto agli stili, va da sé che, ogni forma complessa scaturisca da una forma semplice e naturale. Sono gli uomini che, con il loro desiderio di modificare ogni cosa, cambiano e complicano le cose. Anche il jazz ha subito queste metamorfosi e dal momento che, pare non si possa vivere senza etichette, lo abbiano chiamato di volta in volta ''Chicago'' ''Dixie'' o ''Cool''. 
In verità si tratta di evoluzioni stilistiche scaturite dalla necessità di introdurre acquisizioni dalla musica detta ''dotta'' per cercare di nobilizzarlo. Non è forse il ''dixie'' una istintiva e semplice forma contrappuntistica? Così di seguito fino alle raffinate combinazioni armonico-orchestrali prese in prestito dai Francesi e dai Russi dell'inizio del secolo. 
Sarebbe potuto il jazz essere insensibile alle follie d'avanguardia (quelle irragionevoli) che hanno funestato la musica dotta? Certamente no.

Al jazz il merito di aver sviluppato ed affinato nuove tecniche di possibilità esecutive soprattutto nelle famiglie degli ottoni con
l'acquisizione di notevoli possibilità nei registri acuti. Grazie ad una continua ricerca di nuove forme d'espressione da parte degli
arrangiatori e degli stessi esecutori, il jazz ha avuto una grande funzione innovatrice per tutti gli strumenti, in funzione timbrica e
tecnica, al di fuori dei canoni dello studio tradizionale. Potrei, partendo da questi principi, amplificare gli argomenti a non
finire ma verrei meno alla promessa fattavi di essere breve.

A Voi, se siete interessati, il compito di ampliare le vostre cognizioni richiedendo, eventualmente, lo sviluppo ulteriore di quanto detto.
Giampiero Boneschi


Etichetta NEW SENSATION - Catalogo N° NS CD 2007 - Prodotto da Massimo Monti
Musicisti Associati Produzioni M.A.P. - Distribuzione M.A.P.  - Anno 2009

*********************************************************************************************************

Brani contenuti nel doppio CD

CD N. 1
01. Chicago - Fisher - 1'48"
02.- Chopin - 2'39"
03. Raindrops keep falling on my head - Bacharach - 2'10"
04. Partita N°2 - Bach - 1'46"
05. Stradivarious - C.A. Rossi - 1'58"
06. Love - Martin - 2'24"
07. Kik & Jim - Zani - 2'02"
08. Sogno - Schumann - 2'26"
09. Regrets - Boneschi - 1'34"
10. Golliwog's - Debussy - 2'21"
11. Les etoiles d'or - Streabborg - 2'04"
12. Le jardein feerique - Ravel - 3'15"
13. Sophisticated lady - Ellington - 3'08"
14. Satin doll - Ellington - 2'43"
15. Xiloidi - Cerri - 4'17"
16. The man i love- Gershwin - 2'11"
17. Rag a la waller - Boneschi - 1'24"
18. Star dust - Carmicael - 2'11"
19. Valzer di mezzanotte - Omodio - 2'03"
20. Follow me - Boneschi - 1'42"
21. Quinfuera - Gustavino - 2'29"
22. Adagio alla rapsodia - Gershwin - 2'40"
23. I would like …. - Boneschi - 2'26"
24. Dalla sonatina IV - Centemeri - 2'38"
25. Rimpianto - Boneschi - 5'17"
26. Volo del calabrone - Korsacov - 1'26"
27. Flashing - Boneschi  - 1'04"

 

CD N. 2
01. Delicado - Azavedo - 3'01"
02. Deborah's theme - Morricone - 2'34"
03. Amapola - Lacalle - 1'51"
04. Pennies from heaven -Johnston- 2'00"
05. Op. 64 n°1 - Chopin (Delphine) - 1'56"
06. Waiting for a dream - Boneschi - 0'53"
07. I'm beginning to see the light - Ellington - 2'34"
08. Liza  - Gershwin - 2'06"
09. Nuovo cinema paradiso - Morricone - 1'58"
10. Marcia alla turca - Mozart - 1'40"
11. Concomitanza - Boneschi - 1'21"
12. Smile - Chaplin - 1'48"
13. Toccata - Zani - 2'49"
14. Les entratiens de la belle … - Ravel - 3'54"
15. Epo - Libano - 1'46"
16. Microtango - Keller - 1'47"
17. Song for Helen - Evans (trasc,Art.Murphy.) - 1'55"
18. Onde del Danubio - Ivanovici - 3'08"
19. Al gelo II° - Boneschi - 3'24"
20. The Jitterbug waltz - Waller - 2'19"
21. From this moment on - Porter - 2'06"
22. Round midnight - Monk - 0'53"

 

Trascrizioni ed esecuzioni pianistiche di Giampiero Boneschi